macchine e motori

Torna più bella che mai. Ecco la Corvette C7 Stingray

All’apertura del Salone Naias di Detroit, finalmente è stata svelata l’ultima edizione della mitica auto del gruppo GM. La Corvette C7 Stingray.

Ci siamo! La settima edizione dell’intramontabile modello della General Motors, uscito per la prima volta nel lontano 1963, è stata svelata al salone dell’auto di Detroit nei giorni scorsi. La Corvette C7 Stingray è la più prestazionale di sempre, grazie all’apporto del suo potentissimo motore, un V8 da 6,2 litri, che sprigiona 450 cavalli e 610 Nm di coppia, che secondo i primi dati forniti dal fornitore avrà delle prestazioni da vera supercar e la sua accelerazione sarà micidiale, dato che si parla di soli 4 secondi per passare da 0 a 100 km/h.

La Corvette C7 Stingray avrà un cambio manuale a sette rapporti ed è realizzata con nuovi materiali per consentirle di pesare il meno possibile e quindi massimizzare al massimo le prestazioni. Nello specifico, il tetto ed il cofano sono stati realizzati in fibra di carbonio, la struttura portante della carrozzeria è in alluminio, mentre i telai dei sedili sono costruiti con l’ausilio del magnesio. Tutti questi materiali molto innovativi fanno di questa Corvette C7 Stingray una macchina veramente leggera e veloce.

Un’altra novità estremamente gradita ai 1500 fra giornalisti ed ospiti in platea, è l’attenzione messa dai tecnici della GM per far si che questa Corvette 7 Stingray riduca al minimo i consumi, grazie all’avvento dell’iniezione diretta ed il nuovo dispositivo di gestione del motore Active Fuel Management ed all’Active rev Matching che quando mettiamo mano al cambio, capisce quale marcia stiamo andando ad inserire ed automaticamente adegua la velocità di rotazione del motore.

La Corvette C7 Stingray sarà disponibile sul mercato americano nel terzo trimestre del 2013 e, secondo una stima, già nel 2014 ci dovrebbero essere già 20000 esemplari in circolazione. In alternativa al cambio manuale, è prevista la versione col cambio automatico a sei rapporti.

Comments are disabled