macchine e motori

Audi RS6 2013: la grinta, la realtà

Si chiama Audi RS6 2013 ed è grintosa come non mai. Sfoggia una linea da far invidia alle migliori fuoriserie sul mercato. Un mostro di pura potenza sulle nostre strade e all’estero, una macchina pronta per dare il meglio di se stessa, se solo crediamo che Audi non sia solamente un mito, ma una realtà effettiva che sforna anche auto di questa categoria. Basta guidarla per capire quanto si distingua dalle altre vetture, anche quelle del medesimo segmento. Basta poco per capire che questa macchina può andare veramente lontano. Quello che si preannuncia essere un vero mito a quattro ruote.
L’ Audi RS6 2013 è pronta per essere proiettata nel 2013, pronta per essere lanciata nel futuro dove, statene sicuri, morderà l’asfalto sfidando con la sua linea scintillante ogni altra vettura della propria categoria. E ha tutte le carte in regola per vincere, ovviamente. Se solo proviamo a dare uno sguardo alle prestazioni, la Rs6 2013, ci impressiona da subito: da 0 a 100 Km/H in soli 3,9 secondi. Mica male come biglietto da visita, no? E sotto, nel cuore dell’autovettura, 560 Cv che stanno lì ad indicare che non si scherza affatto. La potenza, per molti non è un’optional, ma una garanzia. Il V8 biturbo 4.0 TFSI garantisce questa straordinaria potenza e 700 Nm di coppia massima e, insieme alla trazione integrale quattro e al cambio a 8 rapporti tiptronic, decide che lo scatto di questo cavallo di razza, lascerà tutti dietro a guardare e a mordere la polvere. Con una velocità massima di 305 Km/h in base al pack optional acquistato. E poi è leggera, grazie all’abbondante utilizzazione dell’alluminio. Lo sterzo è elettroidraulico di serie e sui freni abbiamo due opzioni: dischi carboceramici, oppure a pinza. Inserti in alluminio opaco, spoiler e diffusore a effetto carbonio all’esterno; sedili Recaro con sostegni laterali, sellerie in pelle e alcantara, finiture in alluminio e strumentazione specifica all’interno. Insomma ragazzi, c’è poco da dire ancora perché l’Audi RS6 2013 è già un mito!

Comments are disabled