macchine e motori

Volkswagen e-Golf, ecologica con stile

Al Salone di Ginevra 2013, che si terrà nel prossimo mese di marzo, farà il suo debutto la Volkswagen
e-Golf, la versione elettrica della berlina media tedesca.

 

Il design è leggermente diverso dalla berlina
normale, infatti, alla Volkswagen e-Golf sono state apportate alcune modifiche per migliorarne
l’aerodinamica. Più compatta e grintosa, monta nuovi paraurti anteriori e posteriori, le prese d’aria
anteriori sono carenate e i gruppi ottici posteriori sono stati ridisegnati. Per quanto riguarda l’interno, nella
strumentazione manca in il contagiri sostituito dall’indicatore di valutazione del motore elettrico.

La grande novità della nuova Volkswagen e-Golf è il motore elettrico con potenza da 115 CV e coppia
di 270 Nm. Questo motore permette di toccare i 100 km/h in 11,8 secondi e di raggiungere una velocità
massima autolimitata di 135 Km/h. L’alimentazione è fornita da batterie da 26,5 Kwh che garantiscono
un’autonomia di 175 Km. Per la versione 4Motion, le batterie alloggiano nel tunnel della trasmissione,
sotto il divano posteriore, sono agli ioni di litio, la loro capacità è di 26,5 Kwh e pesano 315 kg. Questo è il
motivo per cui la nuova e-Golf pesa 250 chili in più della berlina con motore termico. Le batterie includono
un sistema di refrigerazione per garantire una maggiore sicurezza in caso d’incidenti. E’ possibile ricaricare
le batterie da una presa trifase in solo venti minuti. Da una presa casalinga, invece, la loro ricarica completa
richiede almeno cinque ore.

La Volkswagen e-Golf ha tre modalità di funzionamento: Normal, Eco e Range. La prima permette al
motore di erogare la potenza di 115 CV per una velocità massima di 135 km/h. La modalità Eco, mette
a disposizione solo 95 CV e limita la velocità massima a 120 km/h, mentre la modalità Range disattiva il
climatizzatore e riduce ulteriormente la punta massima a 95 km/h.

La Volkswagen e-Golf sarà in vendita dall’inizio 2014 e sarà commercializzata in molti mercati di tutto il
mondo, tra cui gli Stati Uniti, Europa e Cina.

Comments are disabled